Il miglior materasso memory in aloe vera del 2019

In questo articolo vi parlerò della differenza tra il materasso in aloe vera con quelli che sono considerati materassi tradizionali.

Usare un materasso memory in aloe vera è una vera e propria epifania, una sorta di scoperta da cui non si tornerà indietro.

Avete voglia di sapere quali siano le opinioni sul materasso memory in aloe vera? Suppongo di sì e sarà molto interessante scoprire insieme la qualità e la sensazione di freschezza che tutti gli utenti dicono di aver provato usando, tutti i giorni, questo nuovo concetto di materasso.

Quali sono le materie prime di un materasso memory in aloe vera?

Tutto ciò di cui ha bisogno un materasso memory che funzioni bene è l’aloe che rende il materasso fresco, economico, ergonomico e resistente. Avete quindi immaginato quanto possa essere interessante sostituire il vecchio materasso con uno nuovo?

Il materasso memory foam viene realizzato con una lastra in poliuretano che, di solito, poi si divide in due strati: uno strato è waterfoam e l’altro è memory foam.

Lo strato in memory foam viene anche detto viscoelastico e serve a creare quella che viene definita lenta memoria.

Perché lenta memoria?

Perchè riesce a ricordare le deformazioni che si creano sullo strato con il peso e il calore di un corpo. Proprio per questo motivo la schiena resta più sostenuta e adattata alla superficie.

Lo strato che più ci interessa, quello più innovativo, è proprio quello in Aloe vera, cioè con un rivestimento superiore che mantiene una sensazione naturale di freschezza che resta intatta dopo vari lavaggi.

materasso aloe veraCompletamente sfoderabile il materasso può essere lavato in casa ed è composto di materiali già trattati, completamente anti-batterici e anti-acaro.

Negli ultimi anni, soprattutto con bambini sempre più sensibili alle allergie, il materasso è, sottoposto a controlli costanti da parte della Comunità Europea, e deve rispettare degli standard di igiene, nei materiali, davvero molto elevati e controllati, sin dal principio, dalla legislazione europea con leggi ad hoc.

Vantaggi delle materie prime come l’aloe vera

Negli ultimi anni ci sono 3 tipi differenti di materassi memory foam in commercio.

Il primo che fu realizzato, negli anni 90 anche grazie a degli studi della Nasa (la società aerospaziale americana), è fatto di schiuma di poliuretano.

Trattiene parecchio il calore, però, che va benissimo per l’inverno ma molto poco funziona in estate, ma ha come vantaggio di mantenere bene la forma del corpo ed essere silenzioso se si cambia posizione, che uno dei vantaggi che hanno reso, subito, famoso questo tipo di materasso nel mondo.

Il secondo tipo di materasso memory foam, che è quello di cui parlo in questo articolo, è molto interessante dal punto di vista economico ed ecologico: la schiuma in poliuretano è stata sostituita da una parte in fibre vegetali, come bambù ed aloe vera.

Dal punto di vista ecologico è considerata una grande rivoluzione che permette anche di mantenere il corpo caldo e freddo, a seconda delle stagioni (essendo fibra naturale segue naturalmente l’andamento delle stagioni) riuscendo ad alleviare i dolori in maniera più energica.

Per qualche tempo è stato detto che i costi di questo tipo di materasso fossero più costosi. Il realtà il prezzo di un materasso matrimoniale in aloe vera è perfettamente nello standard di questo tipo di materasso: tra i 150 e i 200 euro.

Il terzo tipo, che è di ultimissima generazione, usa il gel al posto del poliuretano, aiutando sempre a dormire meglio e più freschi, con minore calore intenso.

In quali situazioni l’aloe vera è più utile?

L’aloe vera, come ho già scritto in precedenza, è una fibra naturale che è completamente anti-allergenica e anti-acaro. Questo rende un soggetto allergico perfettamente sicuro di dormire su un materasso che non crei maggiori problemi al suo corpo e alla sua allergia. Per quanto riguarda i dolori articolari il materasso non solo risponde a quelle che sono le deformazioni del peso e del calore ma non accumula calore, come per il poliuretano, elemento chimico artificiale.

Il materasso memory in aloe vera permetta al corpo di traspirare e di accumulare calore in inverno e freschezza d’estate.

Quello che mi piace ribadire è la naturalità del materiale che permette risposte naturali, appunto, alle stagioni e al nostro stesso corpo, garantendoci un sonno finalmente senza dolore e traspirato.

Come scegliere il materasso memory in aloe vera per le tue esigenze?

Un materasso memory in aloe vera che funzioni a dovere deve basarsi soprattutto su una certa altezza, sia della parte naturale in aloe che di tutta la struttura del materasso. Se il materasso è troppo sottile, infatti, si appoggia troppo alla rete che può deformare tutto il lavoro fatto dal materiale a lenta memoria, ostacolando la vera funzionalità del materasso in memory foam. Non usate mai materassi troppo sottili, allora, così che la rete non posso deformare il sottile strato del materasso dall’altra parte. Con un materasso basso anche la schiena non potrà mai trovare il vero beneficio di un materasso con queste caratteristiche così specifiche per la postura e i dolori articolari.

Come prendersi cura di un materasso in aloe vera?

Un materasso in aloe vera, se è di buona qualità, è completamente sfoderabile e si può lavare in casa. Ricordati di mantenere il materasso pulito, quindi, cambia le lenzuola una volta la settimana e inverti la testa del materasso con i piedi ogni due mesi così che che tu possa utilizzare un materasso come nuovo ogni volta che lo farai.

Interessante questa idea della testa con i piedi, non trovate? Alla fine facendo così si può avere, ogni tot, un materasso che riprende una forma nuova da memorizzare in maniera lenta. Proprio per questo motivo il materiale naturale non perde mai la capacità di essere elastico, traspirante e in grado di deformarsi, di nuovo, con il calore e il peso.