Miglior materasso ad acqua 2019

Perché scegliere un materasso ad acqua

Un materasso ad acqua si adatta perfettamente al corpo, riducendo al minimo le zone di pressione, ed inoltre, sono abbastanza economici, offrono una buona durata, consentono di tenere sotto controllo la temperatura e resistono agli acari. Come contro, possono subire delle forature, sono molto più pesanti di un materasso normale e necessitano di una certa manutenzione, pena emissione di cattivi odori. Mettiamo subito in chiaro una cosa, i materassi ad acqua non sono per tutti. In media, l’80% delle persone che lo provano, decidono di tenerlo. Tutto sommato, per essere un prodotto così particolare, si tratta di una cifra abbastanza alta. Ricordiamo, infatti, che la stessa percentuale di soddisfazione, la si riscontra nei materassi a schiuma memory. Inoltre, è più alta sull’indice di gradimento del materasso a molle. I modelli che dispongono del cosiddetto “softside”, sono quelli più apprezzati dai consumatori, perché offrono una maggiore durata e un comfort piacevole. La soddisfazione del cliente, sembra essere legata alla capacità del materasso, di tenere l’acqua al suo interno il più stabile possibile. In un materasso ad acqua, infatti, il movimento del liquido si deve avvertire solo per alcuni secondi. Se la qualità del prodotto è scarsa, invece, questo tempo si prolunga, rischiando di infastidire l’utilizzatore.

PRODOTTO DIMENSIONI PESO VALUTAZIONE VEDERE IL PRODOTTO
60 x 120 x 10 cm 3 kg VEDI PREZZI
160 x 190 x 20 cm 18 kg VEDI PREZZI
80 x 190 x 18 cm 7 kg VEDI PREZZI
70 x 140 x 12 cm 1,7 kg VEDI PREZZI
80 x 190 x 12 cm 4,5 kg VEDI PREZZI
60 x 120 x 14 cm 2,2 kg VEDI PREZZI
80 x 190 x 14 cm 5 kg VEDI PREZZI
60 x 120 x 16 cm 3,2 kg VEDI PREZZI
60 x 120 x 16 cm 7 kg VEDI PREZZI
120 x 200 x 18 cm 11 kg VEDI PREZZI

Lato morbido e lato duro

Tecnicamente, vengono chiamati Softside e Hardside. Sono le due tipologie principali di materasso ad acqua. Il primo, quello con il lato morbido, ha un aspetto molto simile ai materassi tradizionali, ed è realizzato con una camera d’acqua, racchiusa dentro una cornice rettangolare di tessuto e schiuma foam, posta nella parte superiore di una piattaforma. Quello Hardside, invece, consiste sempre in una camera d’acqua, ma posta all’interno di una cornice in legno di forma rettangolare, posta sempre nella parte superiore di una piattaforma. È possibile ordinare questi prodotti nella maggior parte dei negozi fisici delle nostre città, ma la maggior parte dei materassi ad acqua, vengono acquistati online, dove i tempi di attesa sono più brevi ed i prezzi più contenuti.

Durata del materasso ad acqua

materasso ad acquaLa causa più frequente di reclami degli utenti che hanno acquistato un materasso ad acqua, consiste nelle perdite di acqua a causa di forature. La durata maggiore tendono ad offrirla i materassi Softside, poiché, per via della conformazione della camera d’acqua, quest’ultima risulta essere maggiormente protetta. La maggior parte delle perdite, vengono causate da forature provocate da penne, matite o animali domestici. Una piccola percentuale di persone, inoltre, ha sperimentato la rottura del sistema di gestione della temperatura ed è stato costretto a sostituirlo, con una ulteriore spesa aggiuntiva. Nonostante quanto detto fino a questo momento, uno dei maggiori punti di forza di un materasso ad acqua, è proprio la longevità, dato che una foratura rappresenta un danno facilmente riparabile. Grazie ad una buona e corretta manutenzione, infatti, i materassi ad acqua possono durare almeno 10 anni.

Consumi elettrici e prezzi

In commercio, come detto in precedenza, esistono principalmente due tipologie di materasso ad acqua, quello Hardside e quello Softside. Il primo, ha un prezzo variabile che può oscillare da un minimo di 100€ fino ad un massimo di 800€. Il modello Softside, invece, parte da un minimo di 800€, fino ad un massimo di 1800€. I modelli dal prezzo maggiore, ovviamente, offrono caratteristiche più avanzate, come una migliore gestione del movimento dell’acqua e il supporto per la zona lombare. Almeno durante la stagione fredda, questi materassi devono essere riscaldati, altrimenti, si avrebbe la sensazione di dormire su una lastra di ghiaccio (o quasi). I modelli Softside, che come detto sono anche i più costosi, a volte non necessitano di riscaldamento o lo richiedono per un tempo minore. Ovviamente, riscaldare l’acqua significa un dispendio energetico e questo può fare alzare un tantino il costo della bolletta dell’energia elettrica, che si deve mettere in conto nel momento dell’acquisto di questa tipologia di materasso.

Per chi è adatto il materasso ad acqua

Coloro che scelgono questa tipologia di materasso, sono soprattutto persone che soffrono di dolori alla schiena. La maggior parte delle persone che li hanno testati, hanno garantito un miglioramento dei propri dolori, soprattutto con i modelli Softside. Si calcola che circa il 18% delle persone che hanno testato un materasso ad acqua, abbia risolto completamente il proprio dolore alla schiena. Tuttavia, bisogna anche sottolineare come un 9% delle persone che hanno provato questa tipologia di materasso, hanno accusato un peggioramento dei dolori alla schiena. In ogni caso, un materasso, che sia esso ad acqua, a molle, in lattice, in memory foam o qualsiasi altro materiale, andrebbe sempre testato. Per questo motivo, prima di acquistare il vostro nuovo materasso, consigliamo di rivolgervi ad un rivenditore che vi dia la possibilità di testare il prodotto, almeno per qualche settimana e nel caso ci si trovasse scomodi, di poterlo restituire. Il materasso ad acqua, si adatta bene alle esigenze di chi soffre di problemi alla schiena, perché distribuisce il peso corporeo in maniera uniforme, riducendo i punti di pressione, ma va sempre e comunque testato, anche per le diverse varianti disponibili in commercio.

Assemblaggio e manutenzione

Uno degli svantaggi principali del materasso ad acqua, è rappresentato dal fatto, che rispetto ai materassi “normali”, quelli ad acqua vanno assemblati. Il che significa, che è necessario l’intervento di una persona specializzata, che aumenta il costo del prodotto. Se ci si monta il materasso da soli, le operazioni sono certamente faticose e richiedono un po’ di tempo. Inoltre, una buona parte delle persone che acquista questo prodotto, non è felice della continua manutenzione di cui necessita il materasso. Occasionalmente, ad esempio, è necessario pulire l’acqua all’interno del materasso, adoperando sostanze antibatteriche, inoltre, va sempre tenuto sotto controllo il livello dell’acqua. Se la manutenzione non viene eseguita in maniera corretta, si possono sprigionare cattivi odori, non solo di sostanze chimiche, ma anche di plastica. Questo problema però, è più comune ai letti ad acqua Hardside che Softside. Il vantaggio però, è che questi materassi, a differenza di quelli standard, non necessitano di essere girati, e vorrei aggiungere “meno male!”, dato che il loro peso è piuttosto elevato.