I migliori cuscini termici 2019

Quali sono i cuscini termici?

Il cuscino termico è una bellissima novità per chi ha bisogno di alleviare qualche dolore reumatico, qualche problema alla schiena, alle articolazioni, nella zona lombare e in quella cervicale, un fastidio per una brutta contrattura. Nelle giornate fredde invernali un cuscino termico elettrico è una bella compagnia che non solo ti permette di sostenere il collo o la zona interessata ma che sparge calore che è da sempre considerato terapeutico. Il cuscino termico per cervicale è un bell’acquisto per chi soffre cronicamente di questo problema. Un cuscino termico cervicale, appunto, può addirittura, con l’uso, risolvere definitivamente il problema.

I cuscini termici sono una grande opportunità per vivere il momento di riposo come un momento costruttivo.

Quante volte, nelle giornate più fredde o per un dolore reumatico, non ci siamo chiesti se ci fosse la possibilità di un cuscino riscaldato. Questa possibilità è acquistabile e a prezzo molto economico. Quindi non vedo l’ora di mostrarvi tutto quello che so su questa bella invenzione tecnologica per stare meglio in poco tempo.

Un’attenzione soltanto che mi preme scrivere in questa che è la prima sezione della nostra chiacchierata: non abbiate timore di comprare il modello un po’ più costoso ma di buona qualità e con tutte le certificazioni europee. Non acquistate cuscini termici elettrici falsi o molto economici, potrebbero non avere autospegnimento e nessuna certificazione che ci faccia rendere conto della completa sicurezza dell’elettrodomestico. Quindi per favore: comprate su siti e in negozi di fiducia.

Come funzionano i cuscini termici?

Sin dall’antichità gli sciamani, i medici, i saggi, hanno usato il calore per curare quelle che erano malattie legate al freddo o a qualche movimento sbagliato. Due nervi che si accavallano, una contrattura muscolare, un dolore lombare o cervicale, un ginocchio gonfio per i reumatismi. Non vi sto parlando di fantascienza, vi sto parlando di dolori che hanno a che fare con ognuno di noi e che possono essere curati in maniera più che ragionevole grazie a questi cuscini. Che si ficcano nella presa elettrica con un filo e si riscaldano in pochi secondi. Il calore dura, poi, un po’ di ore e permette di riattivare la circolazione grazie al calore e sciogliere i muscoli. I modelli che mi interessano e che sono i più moderni hanno un telecomando o un termostato per regolare il grado di calore, cosa molto importante per non avere cuscini troppo caldi che avrebbero poi l’effetto opposto. Importantissimo che abbiano il sistema antisurriscaldamento che permette di prevenire eventuali corti circuiti e come ho detto prima l’auto-spegnimento. Quindi mi raccomando, non compriamo cuscini che costano pochissimo e sono pericolosi.

cuscino termicoAlcuni dei cuscini hanno anche un meccanismo di di rotazione con dei meccanismi interni che equivalgono a una sorta di massaggio shiatsu, sempre atto a sciogliere contratture o a massaggiare la parte dolorante.
Due azioni in uno per questo che sembra essere un vero toccasana.

Materiali utilizzati nella realizzazione di cuscini termici

I materiali utilizzati nella realizzazione dei cuscini elettrici sono vari: parliamo di un’imbottitura di solito in poliestere che rende il cuscino morbido e poi il circuito elettrico che è di solito a basso voltaggio, circa 45 W. Per i cuscini massaggianti abbiamo anche un telaio con delle palline di plastica che si muovono creando il massaggio.

Vantaggi e svantaggi dei cuscini termici

Il vantaggio evidente è che questo cuscino svolge un’azione importante su quelle che sono le zone che ci fanno più male. Parliamo, infatti, di un cuscino riscaldato che scioglie muscoli e allevia la pressione delle vertebre o delle articolazioni. Lo svantaggio sta nel comprare cuscini troppo economici che possono essere pericolosi, possono surriscaldarsi, possono ustionare con il troppo calore la parte, possono metterci troppo a riscaldarsi e poi possono essere troppo rigidi o consumare troppa elettricità. Stiamo sempre attenti a quello che vogliamo per il nostro benessere, spendiamo qualche soldo in più per non restare delusi da un cuscino mediocre.

Come scegliere il giusto cuscino termico per le tue esigenze?

Diciamo basta ai cuscini mediocri, compriamo cuscini di alta qualità, ben imbottiti, che permettano di poter usare questi cuscini con un termostato che regoli la temperatura e che permetta di auto-spegnersi dopo un tot di tempo per non rischiare incendi non voluti. Scegliamo sempre un cuscino conforme alle normative europee e che sia stato certificato.

In quali situazioni i cuscini termici sono più utili?

I cuscini termici diventeranno i nostri migliori amici in quelle che sono le fredde notti d’inverno, sono meravigliosi compagni per i nostri problemi alla schiena e sono indispensabili per il collo e la cervicale. Un cuscino termico sotto la testa che è imbottito bene e auto-massaggiante può essere meglio di una seduta da un massaggiatore professionista. E questo restando a casa propria, nel proprio letto o sul proprio divano.

Come prendersi cura di un cuscino termico?

Prima di tutto un cuscino termico ha un telaio elettrico, quindi non bisogna di certo riporlo in lavatrice o lavarlo a mano. Questi cuscini sono tutti di materiali sintetici, sono anallergici e antibatterici. Quindi sfoderate il cuscino, lavate la federa in lavatrice e pulite il cuscino con un panno umido. Dopo poggiate il cuscino su una sedia all’aria aperta per lasciare che non stia sempre al chiuso. Parliamo di cuscini di ultimissima generazione, quindi attenzione a non esagerare con l’acqua. Usiamo questi cuscini termici per stare meglio con noi stessi, con il nostro corpo e con quelli che sono i nostri acciacchi più o meno cronici. Proprio per questa ragione è bene acquistare e tenere in casa prodotti che ci aiutino a migliorare il nostro rapporto con i nuovi materiali, con le innovazioni tecnologiche e con tutto quello che ci può semplificare la vita. Perché la vita è una sola e dobbiamo imparare a prenderci cura di noi, anche con oggetti di utilizzo quotidiano.